SerieAFemminile “Juventus di giustezza. A Verona è 0-2 per le bianconere”

Condividi l'articolo

 

 

La Juventus Women riparte da una vittoria. Al Sinergy Stadium di Verona, le ragazze terribili guidate da Rita Guarino superano l’Hellas di Matteo Pachera per 0-2 grazie alle reti, entrambe siglate nella ripresa, di Cristiana Girelli e Arianna Caruso. Le campionesse d’Italia, quindi, riprendono il proprio cammino da un successo, mettendo in evidenza personalità ed autorevolezza. Per le scaligere vi è stato ben poco da fare. Troppo evidente la superiorità tecnica e qualitativa da parte della Juventus. L’Hellas può solamente recriminare per un penalty gettato alle ortiche da parte di Sardu che avrebbe potuto riaprire il match ma sostanzialmente il risultato è giusto così. Trionfa la Juventus che parte da Verona con il piede giusto.

 

HELLAS VERONA WOMEN-JUVENTUS WOMEN: 0-2

Rita Guarino si affida al 4-3-3 con Giuliani in porta, esterni di difesa Hyyrynen e Boattin, mentre al centro spazio al duo Gama-Sembrant. A centrocampo fiducia al terzetto composto da Galli, Rosucci e Caruso, mentre in avanti Cristiana Girelli è supportata ai lati da Zamanian e Bonansea. Pachera risponde con un modulo speculare affidandosi in attacco al trio Papaleo, Bragonzi, Jelencic. Pronti, partenza, via e la prima occasione della gara è di marca bianconera, al 3’, con Aurora Galli, artefice di una conclusione dalla distanza. A seguire, al 15’, dagli sviluppi di un calcio di punizione da posizione defilata è Boattin a centrare il palo. Le padroni di casa stentano a reagire con convinzione tant’è che sono le bianconere a pigiare il piede sull’acceleratore, al 17’, con Zamanian, alla quale viene annullato un gol per posizione di offside. A causa del caldo, però, i ritmi non appaiono molto elevati, così l’ultima occasione da segnalare dei primi 45 minuti si materializza proprio allo scadere con Barbara Bonansea, protagonista di un pallonetto che si stampa sul palo, a seguire tenta il tap-in Girelli ma Durante è provvidenziale nel blindare la porta. Nella ripresa le ospiti mettono la freccia: al 53’ calcio d’angolo battuto da Zamanian, uscita a vuoto da parte di Durante e per Cristiana Girelli è un gioco da ragazze depositare, di testa, la sfera in fondo al sacco. Trascorrono appena 4 minuti e al 57’ è Arianna Caruso a raddoppiare, estraendo dal cilindro una conclusione di sinistro all’altezza dell’area piccola. Hellas al tappeto e le ospiti ne approfittano per rimpinguare il bottino. Al 72’ corner di Zamanian, Caruso svetta di testa ma la palla si spegne di pochi centimetri sul fondo. All’80’ le venete hanno la grande opportunità per accorciare le distanze: Giuliani atterra in area Bragonzi. L’arbitro concede il penalty. Dal dischetto si presenta Sardu che spedisce, però, la sfera sopra il montante. L’ultima opportunità del match è griffata Bonansea, all’83’, artefice di una conclusione ficcante che sfiora la traversa, complice la deviazione di Durante. Dopo 5 minuti di recupero, è festa per la Juventus che conquista l’intera posta in palio, annichilendo l’Hellas Verona e facendo, così, il suo esordio trionfale in campionato. Le ragazze di Rita Guarino possono godersi il merito successo. Le bianconere non hanno mai messo in discussione la propria superiorità, dimostrando di saper aggredire l’avversario. Testa, ora, al prossimo impegno in programma sabato 29 agosto contro l’Empoli Ladies, quando sarà fondamentale dare seguito al trionfo di ieri pomeriggio per provare a dare il via ad una mini fuga in testa alla classifica.

Lorenzo Cristallo.

SerieAFemminile

Ph Juventuswomenfc

 

Translate »