SERIE A: I NUMERI DELLA TERZA GIORNATA

Condividi l'articolo

Il calcio femminile archivia le prime tre giornate di campionato ma certo non si ferma perchè è già tempo di Nazionale. Pausa dunque per i club ma non per la maglia Azzurra e per il lavoro di Milena Bertolini, chiamata a mettere in campo la crema del football rosa per raggiungere i successi che tutti gli appassionati ed i tifosi si aspettano. Alla nostra attenta Mister non sono mancate indicazioni chiare sulla forma delle atlete e, ahinoi, sulle indisponibilità improvvise di importanti giocatrici dovute ad alcuni inattesi infortuni, così come non le sono mancate interessanti novità ed alcune conferme di certezze consolidate. Ed è da una certezza imperitura del nostro calcio che vogliamo partire per analizzare i numeri di questa terza giornata di campionato: Daniela Sabatino, sesto gol in tre partite, capocannoniere con una media di due gol a partita, (la proiezione matematica indica 44 gol in stagione…), è stata ancora la protagonista della domenica avendo siglato il gol vittoria della Fiorentina nel derby con la Florentia, gol decisivo, che ha consentito alla Viola di rimanere in testa alla classifica assieme alla Juventus e al Milan, vittoriose anch’esse e a punteggio pieno come le rivali gigliate. Proprio la squadra di Mister Cincotta è stata per la terza domenica consecutiva la squadra che ha effettuato il maggior numero di passaggi (460), con un calo però del trend di precisione rispetto ai due turni precedenti (85% al primo, 78% al secondo e 74% al terzo). La conferma che nel derby la Viola ha sofferto come non le era accaduto nelle due antecedenti occasioni contro Inter e Napoli. La Juventus eguaglia in questo turno un record, quello della precisione nei passaggi, raggiungendo l’85%, (così come fece la Fiorentina nel primo turno), avendo effettuato 425 passaggi complessivi. Buone le percentuali anche di Milan (78%, 443 passaggi complessivi), Sassuolo (75%), Hellas Verona e Roma (73%), mentre il Pink Bari con il 51% si conferma la squadra meno precisa in campo, benchè il minor numero assoluto di passaggi sia stato registrato da San Marino con 203, con però il 54% di precisione. Le tre squadre a punteggio pieno del campionato sono anche quelle che nel terzo turno hanno totalizzato la percentuale maggiore di possesso palla: Juventus 69%, Milan 64%, Fiorentina 62%. Questo dato è significativo: l’alta percentuale della Juventus, pur in un incontro che alla fine tutto si è dimostrato meno che facile, è certamente dovuta al fatto che le bianconere hanno pur sempre giocato con la Cenerentola San Marino, mentre la Fiorentina mostra un dato in linea con la sofferenza patita nel derby. Ovviamente anche nei tiri effettuati, data la differente caratura tecnica delle compagini in campo, la Juventus l’ha fatta da padrona contro l’ultima in classifica: 23 tiri totali di cui 10 in porta, mentre San Marino si è limitata a 4 tiri di cui uno in porta. Sassuolo con 16 tentativi, (5 in porta), Fiorentina (14/5) e Hellas Verona (13/5) le altre con buoni numeri. E a proposito di tiri abbiamo analizzato il complesso delle tre giornate di tutte le squadre: il miglior rapporto tra tentativi esperiti e porta centrata la detiene l’Empoli, un tiro nei legni ogni 1,88 (47/25), seguita dalla Fiorentina con 1,90 (42/22) ed il Pink Bari (un tiro in porta ogni 2,4), che però con il suo 12/5 è anche la compagine che ha tirato meno tra tutte le squadre. E’ invece la Juventus (68) la squadra che in termini assoluti ha tirato di più verso la porta avversaria, (con un tiro tra i pali ogni 3,09, essendo stati 22 quelli nei 7,32 metri ), mentre l’altra grande, il Milan, è seconda quanto a tiri (55), ma con un tiro preciso ogni 3,23, avendo centrato la porta avversaria in sole 17 occasioni. Dopo aver sottolineato che in questa terza giornata abbiamo visto sventolare per la prima volta due cartellini rossi (lo hanno subito Roma e Inter), va detto che Sassuolo, Empoli e Hellas Verona con 18 falli sono state le squadre più punite dagli arbitri per gioco non regolamentare. Questi dati, sommati e lavorati dal nostro sistema descrittivo, ci mostrano una classifica abbastanza in linea con quella che premia con i tre punti ciascuna vittoria:

Le colonne viola rappresentano la situazione alla fine della seconda giornata, mentre l’arancio (situazione attuale) ci mostra alcune interessanti novità: tra le prime tre squadre la Fiorentina rimane al comando ma perde 0,069 punti, (da 6,355 a 6,286), mentre crescono Juventus (+0,048), Milan (+0,063). Anche il Sassuolo (+0,198) cresce e si avvicina alle prime.

A ben guardare un dato significativo è la riduzione del gap che separa le squadre che nella classifica sono con 9 punti a punteggio pieno: la Fiorentina è avvicinata sia dalla Juve (da 0,380 a 0,263) che dal Milan (da 0,465 a 0,333). Il Milan guadagna anche sulla Juventus (da 0,085 a 0,070), rendendo davvero avvincente, secondo i nostri dati statistici, la lotta al vertice.

Il Sassuolo guadagna rispetto alla settimana scorsa 3 posizioni (da settima a quarta), mentre indietreggiano Empoli (che dopo la sbornia di numeri con San Marino si adegua a più normali percentuali) e Roma, perdendo entrambe una posizione. In coda guadagnano qualcosa il Pink Bari, che rimane però ultimo, e l’Hellas Verona (+0,345, l’aumento più consistente tra tutte le squadre), dopo la sfortunata ma bella partita contro l’Inter. Questo il dato descrittivo dopo tre giornate; anticipiamo che abbiamo provato a lavorare i dati in maniera predittiva…tre giornate su 22 non sono sufficienti per poter anticipare la proiezione che ci rende il sistema, ma già risulta chiaro che sarà un campionato incerto e davvero avvincente. Le variabili nel calcio sono tante ed imprevedibili, e dunque per ora ci atteniamo ai numeri certi.

Translate »