SERIE A : Fiorentina ennesimo flop ! Spinelli sconvolge una Viola senz’anima

Condividi l'articolo

 

 

Ennesima deludente giornata di Campionato per la Fiorentina, che subisce la quarta sconfitta su nove partite ad opera di un Milan pratico e cinico, sicuro e senza incertezze. Un Milan che fa la differenza da subito, con il gol di Spinelli al 9′, e sa controllare le velleità così poco prepotenti della Viola, squadra ormai irriconoscibile rispetto a due-tre mesi fa, senza più verve, con i numeri all’incontrario, impoverita nel gioco, spenta nella volontà, senza più animus pugnandi.

 

Non sono bastati alla Viola oltre ottanta minuti per recuperare il risultato di minimo svantaggio che invece il Milan ha saputo portare fino in fondo senza troppi patemi, con prudenza, con accortezza e con perizia, confermando di essere l’unica squadra che potrà opporsi nel proseguimento del torneo alle zebre bianconere, sabato vittoriose -novesunove- contro il Napoli.

E’ semplice commentare una partita che la Fiorentina, in altro momento e fino a due mesi fa, avrebbe cercato di recuperare con il gioco arrembante, lo stesso di quell’inizio campionato che aveva fatto illudere tifosi e staff. Invece, in uno stanco sabato, tutto è venuto a mancare. E ormai manca da tempo…Il Milan ha fatto la sua partita approfittando di una ormai accertata debolezza tattica della Fiorentina che ormai scopriamo essere continuata e cronica, giocando quasi al minimo visto che le avversarie erano, con tutto il rispetto, sotto ritmo ed evidentemente incapaci di aggredire (non vogliamo scrivere sottomettere) atleticamente e tecnicamente le avversarie.

 

Un solo tiro nello specchio della porta del Milan può bastare come rendiconto riassuntivo della partita delle Gigliate ? Dopo il gol della Spinelli la Viola nel primo tempo ha cercato il pareggio con Sabatino (sconclusionata in una occasione, distratta in un’altra) e Bonetti, ma tutto è apparso estemporaneo, ridotto ad iniziative quasi personali anzichè frutto di una squadra unita, esuberante e prorompente, caratteristiche necessarie se si vuole recitare ancora un ruolo di primo piano nel Torneo in corso. E questa situazione di disagio tecnico, così stridente con ciò che la squadra di Cincotta aveva mostrato all’inizio del Campionato, è apparso ancora più evidente all’inizio della ripresa: solo il Milan in campo, e per la Fiorentina manifesta incapacità di costruire, di essere pericolosa, senza guizzi, con poca lucidità e tanta impotenza difronte alle rossonere che, al contrario, hanno mostrato di essere quantomeno ragazze sicure, atlete convinte e consapevoli, mai rischiando nel gestire il vantaggio.

 

La Fiorentina, che aveva iniziato il Torneo con numeri da vedette protagonista, mostra una inversione preoccupante. A supporto di questa affermazione citiamo soltanto due dati: quello del numero dei passaggi, campo nel quale la Fiorentina passa da una media nelle prime 5 partite di 437 ad un 357 ottenuto contro il Milan dopo esser già scesa sensibilmente nelle precedenti gare, e la precisione dei passaggi, che passa da una media del 76% delle prime cinque partite ad un 67% di questo ultimo match…Il Milan di Ganz non sarà una squadra appariscente, ma sa ciò che vuole: più in generale ci può confortare il fatto che i tre punti agguantati dal Milan al Bozzi di Firenze lasciano il Campionato aperto, interessante ed ancora tutto da seguire, e questa situazione fa bene a tutto movimento calcistico femminile italiano. La Fiorentina invece giovedi sarà impegnata in Champions League contro lo Slavia Praga: si cambi rotta con immediatezza, altrimenti, in caso di ulteriori debacle, il rischio è che qualcuno sia chiamato a rispondere di un fallimento certo non previsto. La Viola non dovrà soltanto leccarsi le ferite, ma suturarle in fretta, e ritornare a fornire in fretta prestazioni all’altezza della Rosa, che a vedere bene, non è seconda a nessuna delle squadre che attualmente la precedono in classifica.

PAGELLE

OHRSTROM   6   senza colpa sul gol

THOGERSEN  6.5   non molla mai

ARNTH   5.5   compitino semplice senza squilli

TORTELLI   5.5   soffre come tutte

ZANOLI   5.5   ormai la conoscono, deve variare qualcosa

VIGILUCCI   5.5   entra nel s.t., fa il suo ma cambia poco

BREITNER   5.5   potenzialmente fortissima ma…

MASCARELLO   6   è brava ma non incide

NETO   5.5   in calo rispetto a quella di due mesi fa

MIDDAG   entra nel finale

BONETTI   5   altra ragazza che ha perduto le ali

SABATINO   5   se non segna lei tutto va a rotoli

PIEMONTE   5   le manca sempre qualcosa

CLELLAND   5   entra nel s.t. ma rimane impalpabile

Credit Foto Alessio Boschi

Foto di repertorio

Translate »