Serie A Femminile la Florentia San Gimignano vola a 13 punti

Condividi l'articolo

 

A San Gimignano non si passa, una vittoria incredibile della Florentia San Gimignano che prima va
sotto su calcio di rigore, pareggia, sempre su rigore e all’ultimo minuto segna il goal della vittoria
con un contropiede perfetto e la zampata di Kelly!

Neroverdi che in casa continuano a volare
grazie a un pubblico stupendo: un finale di carriera perfetto per Giulia Orlandi che saluta il calcio
giocato con una vittoria e una prestazione monumentale.


Nel primo tempo le squadre sono molto contratte, Mister Ardito si schiera con un 4-3-2-1 inusuale,
con Imprezzabile e Vicchiarello dietro all’unica punta Maegan Kelly. Il Milan, in formazione tipo, è il
primo a farsi pericoloso, al 10’ tiro di Bergamaschi al volo, Tampieri è perfetta nell’intervento e
chiude lo specchio.

Poche emozioni nel primo parziale, un tiro da lontano di Tucceri finisce alto e
al 40’ la prima conclusione della Florentia San Gimignano con Orlandi che però non impensierisce
Korenciova.


Le emozioni si scatenano tutte nella ripresa: al 54’ Giacinti si procura un calcio di rigore e dal
dischetto non sbaglia, spiazzando Tampieri per lo 0 a 1.

Cresce il Milan, Bergamaschi da fuori non trova lo specchio della porta, ma la Florentia San Gimignano è brava a non mollare: al 60’ fallo di
mano di Tucceri e calcio di rigore anche per le neroverdi, Kelly dagli 11 metri non sbaglia e
pareggia i conti. La partita si infiamma, le due squadre lottano a centrocampo, ma è la Florentia
che spinta dal pubblico meraviglioso di San Gimignano a trovare un goal pazzesco in contropiede
in pieno recupero: Vicchiarello è brava e altruista a servire Kelly davanti alla porta che non può
sbagliare il goal che porta nella storia le neroverdi.

5 risultati utili consecutivi, 4 vittorie e un pareggio, il fortino del “Santa Lucia” che regala altri 3
punti importanti alla squadra neroverde che vola a 13 punti in classifica.
Un enorme ringraziamento a Giulia

Fonte Florentia San Giminiano

Photo Credit: Niccolò Parigini

 

Translate »