SERIE A FEMMINILE-Juventus vs San Marino: trionfo bianconero tutt’altro che facile

Condividi l'articolo

“Juventus-San Marino: trionfo bianconero tutt’altro che facile”

 

Vince la Juventus Women ma è stato un trionfo tutt’altro che scontato. Il 2-0 inflitto alla San Marino Academy si è concretizzato nella ripresa, grazie alle reti di Cristiana Girelli e Arianna Caruso. Tuttavia per le campionesse d’Italia in carica non è stato semplice archiviare tale pratica, dopo che la prima frazione si era chiusa sullo 0-0. La truppa allenata da Alain Conte ha mostrato interessanti segnali di miglioramento rispetto alle precedenti apparizioni. Squadra più accorta e atteggiamento maggiormente responsabile, per la Vecchia Signora non è stato scontato sbarazzarsi delle avversarie. Nonostante ciò, comunque, la Juventus inanella il terzo successo consecutivo, occupando la prima posizione in classifica con 9 punti all’attivo, a braccetto con Milan e Fiorentina Femminile. La San Marino Academy, invece, resta inchiodata a zero ma dopo il 10-0 subito contro l’Empoli e lo 0-5 al cospetto del Milan, il ko per 2-0 rimediato con la compagine leader del campionato è un risultato più che onorevole in vista dei prossimi appuntamenti e soprattutto per una crescita costante.

 

JUVENTUS WOMEN-SAN MARINO ACADEMY: 2-0

Rita Guarino vara il consueto 4-3-3 pur dovendo fare a meno in difesa del capitano Sara Gama, ferma ai box per infortunio. Giuliano in porta, Hyyrynen e Sembrant centrali, a destra Lundorf a sinistra Boattin. A metà campo spazio a Zamanian, Rosucci e Galli, mentre in attacco Girelli è supportata ai lati da Cernoia e Bonansea.

La gara mette subito in evidenza un San Marino decisamente accorto e intenzionato a concedere pochi spazi alle avversarie. La Juventus fatica a rendersi pericolosa, trovando dinnanzi a sé un muro invalicabile. Tant’è che la prima occasione degna di nota si materializza al 27’ quando su assist di Boattin è Barbara Bonansea a sfoderare un tiro di sinistro che si stampa sul palo. Al 32’è di nuovo Bonansea a farsi notare dalle parti dell’area avversaria ma la sua conclusione viene intercettata in due tempi da Ciccioli. Al 39’, infine, Bonansea ancora sugli scudi, protagonista di un fendente dalla distanza, deviato in angolo dal portiere della San Marino Academy.

La ripresa inizia con una sostituzione tra le fila delle padroni di casa, con Bacic che subentra a Laura Giuliani. Osservando, invece, l’evolversi della gara, al 46’ da un corner battuto da Zamanian, è Bonansea a colpire, costringendo Ciccioli ad una deviazione sulla traversa. Al 49’ è Cristiana Girelli a sfornare un assist per l’indomita Bonansea, ma il suo tentativo si spegne di poco a lato. Al 52’ si fanno notare le ospiti attraverso un tiro di destro, dalla distanza, da parte di Chandarana che non inquadra lo specchio della porta per una questione di centimetri.

Al 71’ si sblocca il match: Girelli va a segno dopo una doppia opportunità murata prima dalla difesa e a seguire da Ciccioli, la quale, però, poi è costretta ad arrendersi. La compagine di Conte accusa il colpo e all’82’ le campionesse d’Italia raddoppiano, assicurandosi, così, la vittoria: palla messa nel mezzo, Caruso irrompe in area appoggiando la sfera in fondo al sacco da due passi dalla linea di porta.

Credit: Juventus Women (Twitter) vs San Marino Acacdemy

Nei minuti finali della sfida occorre segnalare l’ingresso in campo, all’84’, dell’argentina Ippolito al posto di Cernoia. Per quanto concerne le emozioni non accadrà nulla di rilevante e così la Juventus Women si godrà la sosta per le Nazionali dall’alto del primo posto in classifica, con 9 punti all’attivo frutto di 3 vittorie consecutive, pur con la consapevolezza di dover effettuare dei progressi al fine di tenere testa a rivali come Milan e Fiorentina apparse assai attrezzate. La San Marino Academy, invece,  si congeda da Vinovo avendo messo in mostra una prestazione più che soddisfacente, evidenziando importanti passi in avanti rispetto ad un inizio decisamente shock.

 

Lorenzo Cristallo

Credit Photo:JuventusFc twitter

Translate »