SERIE A FEMMINILE- INTERVISTA ESCLUSIVA alla Statunitense Emily Garnier

Condividi l'articolo

EMILY   GARNIER in esclusiva per serieafemminile.eu, 

 difensore statunitense classe ’96 che milita nelle

Empoli Ladies già a 10 presenze in questo campionato, risponde ad alcune nostre domande 

 

Che cosa sognava di diventare quando era bambina?

Quando era bambina ho guardato la mia mamma e il mio babbo e volevo
diventare un mix di loro. La mia mamma è una nuotatrice di alto livello e
io l’ho sempre ammirata per tutto quello che riesce a fare. Stando sempre
vicino a una persona con questo atteggiamento, mi ha ispirato a praticare
sport. Invece, il mio babbo è un ingegnere e ha fondato la sua compagnia.
Lui è così intelligente e creativo e mi ha ispirato a studiare ingegneria
all’università.

A che età ha capito che il calcio era più di una passione?

Il calcio è stato il mio primo amore e una costante per tutta la mia vita.
Non mi ricordo il momento preciso in cui io ho pensato se era più di una
passione perché è sempre stato così.

Chi l’ha incoraggiata?                                             

Ci sono tante persone che mi hanno incoraggiata. Ho avuto tanti allenatori
che mi hanno aiutata ma soprattutto Kevin Fickes, l’allenatore della mia
squadra universitaria . “Fick” ha creduto in me e mi ha fatto credere di
poter diventare una grande calciatrice. Ci sono sempre momenti in cui non
tutto è così facile nel calcio e senza di lui penso che forse io non sarei
a giocare qui in Serie A.

Anche la mia famiglia è stata fondamentale in questa storia. Loro sono
sempre positivi e mi  incoraggiano sempre. Quando io non so cosa fare, la
mia famiglia è la roccia che mi sostiene.

Se fosse un personaggio dello spettacolo o del cinema chi vorresti essere?

Io non mi cambierei con nessuno, ma mi piace molto Jennifer Aniston e penso
che sarebbe divertente essere sul set di “Friends”.

 

Calciatrice che segue con ammirazione? E calciatore?

Julie Ertz è la mia calciatrice preferita . Lei gioca per il Chicago Red
Stars e anche per la nazionale degli Stati Uniti. Lei è fortissima e anche
una giocatrice molto versatile.

Gerard Piqué è il mio calciatore preferito. Lui è alto (come me) e combina
la forza con una buona tecnica, e per questo è un difensore veramente forte
.

Ha mai avuto ripensamenti sulle sue scelte?

No, non ho mai avuto ripensamenti perché ora io posso giocare in un paese
diverso ed è veramente un sogno per me. Sto imparando così tanto sul gioco
e posso migliorare ancora tante cose per raggiungere il mio pieno
potenziale come calciatrice e sono grata di avere l’opportunità di farlo.

Ai tifosi, così appassionati e a volte così estremi, che cosa si sente di
dire?

Semplicemente grazie perché senza di voi, il calcio non sarebbe come lo è
ora. Tutta questa passione e amore per lo stesso gioco è una bella cosa
anche se a volte è un po’ estrema.

Cosa significa indossare questa maglia?

Significa molto per me indossare questa maglia. Io non conosco le vicende
prima di me, ma so abbastanza per capire che la storia dell’Empoli Ladies
non è stata facile. E’ una storia di sacrificio e lavoro di molte ragazze.
Loro hanno fatto tanto per portare la squadra in Serie A quest’anno e hanno
fatto tanto per far crescere il calcio femminile in Italia. Per questo
motivo, sono onorata di indossare questa maglia ogni volta.


Cosa fa nel tempo libero?

Nel tempo libero mi piace esplorare città diverse dell’Italia perché è
veramente un bel paese. Mi piace anche fare il Sudoku, studiare l’italiano
e passare il tempo con i miei amici.

Programmi per il futuro?

Voglio migliorare la mia abilità nel calcio così posso raggiungere il mio
potenziale e aiutare la mia squadra per quanto possibile.

Qual è la migliore qualità di un’altra calciatrice che ammira?

L’umiltà penso che sia una della migliori qualità di una calciatrice.

 

Ringraziamo Emily Garnier  per la disponibilità e Nicolò Laneve per le splendide foto 

Translate »