SERIE A FEMMINILE – I NUMERI DELLA NUOVA FIORENTINA

Condividi l'articolo

 

 

 

Si procede ormai contando le ore che mancano a sabato pomeriggio, quando finalmente le ragazze scenderanno in campo per dare l’avvio al Campionato di calcio di Serie A TIMVISION.

 

Dodici le squadre al via e grande attesa per il primo big match, in programma sabato sera al Franchi, tra le Viola di Mister Cincotta e l‘Inter dell’ex Ilaria Mauro.

Il destino e la fatalità giocano subito duro, dato che la friulana torna già alla prima giornata in quel di Firenze, piazza che mai potrà dimenticarla visti i numeri:  in quattro anni il pubblico gigliato ha applaudito le sue complessive 100 partite con la maglia della Fiorentina ed ha gioito per i suoi 60 gol. Numeri che non hanno bisogno di commenti, sopratutto se si dovesse tener complessivamente conto della carriera dell’attaccante da pochi mesi nerazzurra: 361 partite e 187 gol nelle squadre di club, 48 apparizioni in Nazionale e 15 gol messi a segno. Sicuramente una grande del calcio italiano.

Nel consueto vortice estivo di mercato, tra una stagione finita troppo presto e questa già sopravveniente, la Fiorentina non ha ceduto soltanto la sua bomber, ma anche altre 10 giocatrici, portando la rosa dalle 26 atlete del 2019/2020 alle 25 di quest’anno. Tutti gli appassionati sanno del passaggio di Alia Guagni all’Atletico Madrid: la Capitana simbolo della Firenze del calcio rosa lascia non solo una perdita tecnica difficile da recuperare e da reintegrare ma anche un vuoto emotivo. Chi ha vissuto e tifato per la Fiorentina femminile in questi anni sa cosa significa…Ma anche altre giocatrici importanti come Parisi, Lazaro, Phjilthiens e De Vanna hanno virato verso nuove esperienze, così come hanno fatto Durante, Morreale, Corazzi, Fedele e Agard.

La Società Viola, ovviamente non è rimasta in finestra ad osservare: gli acquisti dovevano in qualche modo sopperire il deficit creato dalle cessioni e di spessore sono stati i nuovi innesti. Ad iniziare da Daniela Sabatino, attaccante da 541/420 in carriera nei club e 64/29 in Nazionale, di tre anni più grande della Mauro (1985/1988) ma con la stessa grande esperienza: è sua la carta d’identità che la certifica essere ora la più matura della squadra Viola.

Credit Photo: ACF Fiorentina Femminile

Di spessore ed esperienza equivalenti e con garantite competenze tecniche ed agonistiche appaiono gli acquisti della portoghese Neto, della irlandese Quinn e della olandese Middag, tutte nuove sotto la Cupola del Brunelleschi. E da questo punto di vista la Fiorentina ed il suo staff dirigenziale si può dire abbiano lavorato davvero bene. Sono giunte nella prima squadra Viola anche le due goalkeepers Schoffenegger e Forcinella, l’attaccante Martina Piemonte e le baby Zanoli, Lorieri e Baldi.

La Fiorentina si ritrova così ad avere la rosa 2020/2021 con l’età media di 25,6 anni, giusta per poter guardare avanti ma anche abbastanza matura per non dirsi sprovveduta. Sono 6 su 25 le Millennials: Sara Baldi nata nel 2000, Ripamonti, Monnecchi, Lorieri e Forcinella nate nel 2001 e Martina Zanoli che, essendo del 27 Febbraio 2002 rappresenta la mascotte del Team. Un dato interessante è quello relativo alla altezza media della squadra (169,3): il reparto più alto appare la difesa (171,5 circa), mentre gli altri tre reparti superano nettamente i 168 cm. Lampante appare il perchè di queste differenze nelle medie quando si noti come l’attaccante Tatiana Bonetti (156 cm) sia la più raccolta fisicamente, mentre la Louise Quinn che gioca in difesa vanti ben 183 cm d’altezza. La Fiorentina ha poco più di un terzo delle giocatrici straniere: sono 9 infatti su 25, otto europee (2 danesi, una ciascuna proveniente dal Portogallo, Irlanda, Svezia, Olanda, Scozia e Germania), ed una americana. Curioso notare come ci siano anche tre fiorentine, (Lorieri e Tortelli di Firenze, Fusini di Fiesole), e tre toscane (Adami di Viareggio, Monnecchi di Siena e Vigilucci di Volterra).

Un ultimo dato può farci riflettere: due anni fa la Fiorentina portava allo stadio una media di 392 spettatori, con un massimo raggiunto di 600 circa. Lo scorso sventurato anno la media era rimasta uguale, ma il massimo degli spettatori fu di 800…questo trend alla Fiorentina non può bastare. L’ultima sfida Juventus Fiorentina giocata allo Juventus Stadium vide in tribuna lo spettacolo di 39.000 spettatori… d’accordo, gli stadi per ora sono chiusi al pubblico, ma ciò cui deve puntare tutto il movimento, -e Firenze in primis avendo tra l’altro anche la squadra in Champions League- è e rimane la sintesi tra il massimo coinvolgimento live e quello mediatico, che diviene miscela idonea per far muovere più velocemente il calcio femminile verso le grandi masse popolari dei tifosi sportivi. Senza questo decisivo impulso per ora ci accontentiamo delle Pay Tv, sperando che le generaliste sappiano contribuire ad una maggiore esposizione mediatica del calcio femminile.

di Alessandro Pomarici

Credit Photo : ACF Fiorentina Femminile

Translate »