Roma Settebellezze esalta la Bartoli: «Ora l’aria è cambiata»

Condividi l'articolo

– È una Roma Settebellezze. Le ragazze in giallorosso abbattono il Chievo per 7-1. Una vittoria larga ma non scontata. La formazione veronese, piena zeppa di calciatrici di esperienza del calibro di Tarenzi, Fuselli e Pirone, sabato scorso non si presentava al Tre Fontane come la classica vittima sacrificale. Ed è qui che la Roma ha dimostrato la recente maturità acquisita. Una maturità certificata da Betty Bavagnoli, alla quale va dato il merito di aver compattato la squadra e convinto il club, quando tutto sembrava già essere in rotta, dopo appena tre giornate. «Dobbiamo essere contente perché il risultato è importantissimo e perché il Chievo è una squadra tosta ed esperta – ha commentato l’allenatrice alla fine del match – lo abbiamo visto nella prima parte della gara e dovevamo giocare come abbiamo fatto. Abbiamo subito qualche duello di troppo, ma poi abbiamo preso le misure e siamo riuscite ad uscire come era necessario fare».
La vittoria proietta la Roma a sette punti dalla vetta, occupata ancora dal Milan, ma con la Juve che si è rifatta sotto ad una sola lunghezza, approfittando del pareggio delle rossonere in casa della Florentia, matricola terribile.

I GOL – Dopo un quarto d’ora la Roma è in vantaggio con l’ex ressina Claudia Ciccotti e dopo il pareggio veronese, chiude il primo tempo di nuovo in vantaggio grazie alla rete di Serturini. Nella ripresa arrivano gli altri cinque gol. Capitan Bartoli suona la carica, poi arrivano i centri di Serturini (doppietta per lei), Greggi, Lipman e Di Criscio. «Abbiamo fatto una prestazione corale per tutti e 90 i minuti. È una vittoria che dà morale. – ha spiegato la Bavagnoli – Abbiamo intrapreso un percorso per costruire una squadra forte ed i risultati ci danno fiducia in vista delle prossime gare. Le tre giocatrici entrate dalla panchina sono state bravissime; tutte sanno che quando vengono chiamate in causa devono dare il loro contributo. Questa è la cifra di un gruppo unito».
Anche il capitano Elisa Bartoli si unisce al pensiero del tecnico. «Questo è il quarto risultato positivo che mettiamo in fila. Siamo una squadra ancora giovane e dobbiamo continuare a lavorare per migliorare gli errori che ancora commettiamo. Sono contenta per il gol realizzato ma ancora di più perché la squadra ha vinto». Alla felicità di Elisa Bartoli si aggiunge quella di Federica Di Criscio: «Abbiamo dominato questa partita, l’abbiamo sempre tenuta in pugno – ha spiegato il numero 6 giallorosso – Siamo una buona squadra che aveva bisogno di un periodo di rodaggio. È finalmente cambiata la consapevolezza nei nostri mezzi». Tante giallorosse in gol rispetto alle attaccanti di ruolo, ma la Di Criscio spazza via il pallone. «In questo momento non è importante da chi arrivino i gol: ciò che conta sono i punti, anche uno è fondamentale». Sabato la Roma sarà attesa in casa dall’Atalanta Mozzanica.

Fonte
IL MESSAGGERO (E. ZARELLI)

Translate »