Ministro dello Sport Spadafora: “IRREALE una ripresa il 3 maggio”

Condividi l'articolo

Si allontana la possibilità che il campionato di Serie A   possa riaprire i battenti il prossimo 3 maggio.

 

Tante le incognite all’orizzonte. Innanzitutto occorre tutelare, in maniera imprescindibile, la salute degli atleti e di tutti i componenti delle società sportive e poi bisogna osservare l’andamento del contagio da #Coronavirus in ambito nazionale.

Solamente quando non si correranno rischi e la situazione sarà tornata alla normalità si potrà tornare a scendere in campo e preferibilmente con la presenza del pubblico. In estrema sintesi è questo il pensiero pronunciato  sulle colonne de “La Repubblica” dal Ministro delle Politiche Giovanili e dello Sport, Vincenzo Spadafora.

Come noto il Presidente della FIGC, Gabriele Gravina, sta spingendo per ricominciare ad inizio o metà maggio, prolungando le attività sino a luglio, stravolgendo inevitabilmente, il classico calendario, ma tra le ipotesi e la dura realtà vi è da sconfiggere un maledetto virus che ha paralizzato l’intero Paese, compresa l’industria dello sport.

La priorità assoluta e imprescindibile è la tutela della salute, come detto. Solo quando i rischi di contagio saranno azzerati si potrà tornare a svolgere regolarmente qualsiasi attività agonistica, compresi gli allenamenti.

Il Ministro Spadafora, in tal senso, è stato decisamente chiaro: ” Riprendere le partite il 3 maggio è irrealistico. Le squadre di serie A hanno già sbagliato quando era il momento di fermarsi, devono capire che nulla sarà più come prima. Domani proporrò di prorogare per tutto aprile il blocco delle competizioni sportive di ogni ordine e grado.

Continua a leggere su https://cristallorenzo.webnode.it/l/ministro-dello-sport-spadafora-irreale-una-ripresa-il-3-maggio/

Credit Foto:Giuseppe Fazari 

Translate »