Mauro:”Mondiali ciliegina sulla torta della mia carriera”

Condividi l'articolo

 

 

 

L’attaccante della Fiorentina Women’s e dell’Italia Ilaria Mauro ha parlato ai microfoni della FIGC dei propri inizi e del raggiungimento della qualificazione alla prossima Coppa del Mondo: “Essere una calciatrice è dedizione e passione. Ricordo di quando avevo 3 anni e giocavo col pallone, che era più grande di me, con mio fratello in cortile e scappavo per il giardino con la palla da sola. Se sono arrivata dove sono ora è grazie a mio padre che mi ha sempre chiesto qualcosa di più, anche quando mi diceva brava. Io non mi accontento mai e se sono così e grazie a lui. Quando avevo 11 anni, giocavo coi maschietti, e il mister mi diede la fascia da capitano. Prima di entrale il capitano dell’altra squadra ebbe da ridire perché ero l’unica ragazzina in campo. A fine partita però venne da me, che avevo segnato due reti, e mi chiese scusa per quel che aveva detto. – continua Mauro – Quando penso al calcio penso all’unione. Una cosa che mi da molto coraggio e forza è quando la squadra si riunisce prima della gara, si abbraccia e si guarda negli occhi. Lì si capisce quanta voglia di vincere la partita c’è nel gruppo. La maglia azzurra è tutto, cuore, grinta, sacrificio perché ci sono tanti anni di lavoro dietro. Indossarla è un sogno realizzato. Italia-Portogallo è stata molto sentita perché sapevamo che vincendo, come è stato, si andava ai Mondiali. Poi si giocava al Franchi che è lo stadio della Fiorentina e questa è stata una grandissima emozione anche grazie all’atmosfera e al pubblico meraviglioso. È un ricordo indelebile. La prima cosa che mi viene in mente è il fischio dell’arbitro e tutti gli abbracci in mezzo al campo, ricordo un abbraccione con Aurora Galli e poi l’arrivo di tutte le altre. Mondiali? È la ciliegina sulla torta della mia carriera, ho fatto due Europei e ora ho l’opportunità di giocare questa manifestazione. Siamo fra le squadre più forti al mondo ed è la cosa più bella dopo tanto sacrificio”.

Fonte:Tuttomercatoweb.com
Foto:Lisa Guglielmi
Translate »