LE STATISTICHE ED I NUMERI DELLA PRIMA GIORNATA di SERIE A FEMMINILE

Condividi l'articolo

 

 

 

I numeri e le statistiche sono ormai parte integrante di tutti gli sport, che siano essi individuali o di squadra. Capita però che certi rilievi numerici non supportino il risultato finale, anzi lo contraddicano, e non collimino con le analisi puramente tecniche stridendo fortemente con gli esiti dei match. Va detto invero che il più delle volte sono perfettamente coincidenti con ciò che si è visto in campo e risultano schiaccianti a favore dei vincitori. I numeri finali di una partita, per esser più chiari, possono avere andamenti davvero autonomi rispetto al risultato.

A conferma di quello che abbiamo appena scritto basti osservare alcuni dati della prima giornata del Campionato Italiano di Calcio Femminile. La partita tra Pink Bari e Napoli presenta i numeri in totale controtendenza rispetto al risultato finale: le partenopee non solo hanno avuto un possesso palla nettamente superiore rispetto alle avversarie, (62% contro il 38%), ma in aggiunta hanno tirato ben 14 volte in porta, (però solo 2 nello specchio), a fronte delle sole 2 del Pink Bari, che ha centrato lo specchio delle Vesuviane soltanto una volta, segnando nell’occasione il gol vittoria.

La squadra mitraglia è stata l’Empoli, 32 tiri di cui 17 in porta e 10 gol, mentre le avversarie del San Marino hanno comunque tirato in porta un buon numero di palloni (8), centrando i 7,32 metri della porta avversaria in 2 occasioni. Tra le altre la Juve (24 tiri, 8 nello specchio), il Milan (20, ma solo 3 nella porta), la Fiorentina (16,11) ed il Sassuolo (15,4) sono state le migliori. I tiri totali nelle sei partite sono stati 164, in media 13,6 a squadra, e di questi 57 sono stati indirizzati nella porta avversaria (con una media di 4,75 a squadra), totalizzando una media generale di un tiro in porta ogni 2,9, che non è proprio un numero da buttar via.

Tornando a Pink Bari-Napoli e alla corretta considerazione dei numeri che dimostra come la congruità col risultato non sempre sia certa, osserviamo come le azzurre abbiano realizzato ben 423 passaggi, (quinta squadra in questa speciale classifica), con una percentuale di precisione pari al 65%, mentre il Pink Bari solo 263, con una percentuale di accuratezza pari al 38%, dunque realizzando solo 102 transizioni precise di palla ! Eppure il Pink Bari ha portato a casa i tre punti…Le più collaborative nello scambiarsi il pallone sono state le Viola della Fiorentina (474, di  cui precisi l’85%, ben 402 assoluti dunque), seguite dalle juventine (463, 80%, 370 assoluti). e dalle milaniste (462, 74%, 341), mentre ultima in questa graduatoria risulta l’Hellas Verona che con 236 passaggi (61%, 160). Per quanto attiene il possesso della palla, le squadre che hanno tenuto maggiormente il gioco tra i piedi sono state la Juventus (67%), il citato Napoli (62%), la Fiorentina (60%) ed il Milan (59%): di queste quattro squadre la prima, la terza e la quarta in classifica hanno vinto, la seconda ha perso…I falli nel calcio femminile sono, come in quello maschile, naturalmente connaturati al gioco: le romaniste, con 20 falli, alla fine della giornata appaiono come le giocatrici più “grintosa”, insieme al Verona (18) e alla Fiorentina (17). Florentia ed Inter hanno avuto minor necessità di ricorrere alle maniere forti con 8 falli per ciascuna. Per finire la condotta delle squadre: uno zero in condotta! Zero infatti è il numero delle espulsioni della prima giornata e solo 2 ammonizioni il numero massimo per le squadre più irruenti (Fiorentina, Pink Bari, Roma e San Marino).

La questione dei dati rimane sempre la stessa, senza appello, fredda: i numeri portano certo la verità statistica, ma è il risultato del campo che distribuisce i punti che fanno la classifica.

di Pomarici Alessandro

Credit  Photo Alessio Boschi

SERIE A FEMMINILE

Translate »