La Juventus Women ai quarti di Coppa Italia

Condividi l'articolo

Vincere non è importante, è l’unica cosa che conta“.

La celebre frase di Giampiero Boniperti, diventata un mantra in casa Juventus, è stata fedelmente abbracciata anche dalla compagine femminile. Nel passaggio dagli uomini alle donne, non si notano differenze per quel che concerne la fame, la rabbia agonistica e la costante, ossessiva ricerca del successo, sia quando in ballo ci sono i tre punti, sia quando il bottino è una qualificazione, come in questo caso. Nella visita al modesto CastelvecchioRita Guarino limita al massimo il turn-over, dando un po’ di respiro a Sara Gama, alla Giuliani, alla Hyyrynen ed alla Girelli (almeno in avvio) e regalando una chance dal primo minuto alla Primavera Bragonzi, che ripaga la fiducia con una discreta prova ed un palo che le nega la gioia del primo gol tra le grandi. Con un secondo legno colpito dalla Cernoia, si va al riposo sull’1-0, grazie alla rete firmata dalla Glionna al 43′.

Nella ripresa, poi, le padrone di casa pagano l’eccessivo dispendio di energie nel chiudere, tamponare e raddoppiare ad ogni sortita bianconera e pagano dazio, crollando sotto i colpi della Cernoia (47′), della neo-entrata Girelli (54′) e della Caruso (64′). A risultato acquisito, mister Guarino getta nella mischia anche la Devoto ed Ashley Nick, ma la Juventus amministra e non cerca di arrotondare ancor di più il punteggio. Nei quarti di finale di Coppa Italia, la Juventus affronterà il Tavagnacco che ha sconfitto 3-2 la Pink Bari.

Fonte: tuttosport.com

Foto : Archivi

Serieafemminile.eu

Translate »