Condividi l'articolo

 

Al centro di formazione neroazzurra va in scena la prima di ritorno per Inter e Fiorentina che si affrontano per punti in classifica importanti.

 


Attilio Sorbi, mantiene Marchitelli  tra i pali e ritrova Mauro dal primo minuto a far coppia con Marinelli.
Le Viola arrivano a Milano ritrovando Cincotta in panchina, ma in emergenza sotto il profilo del gruppo squadra.


La gara si apre con L’inter che trova il vantaggio dopo ventotto secondi con Pandini che pesca bene Marinelli e infila nell’angolo lontano e fa subito 1-0, la Fiorentina reagisce e al decimo ci prova da fuori ma é Marchitelli a dire di no.
Prima parte dove c’è piu Inter che riesce a giocare di più sulla catena di sinistra, ma al 26° c’è il pareggio Viola con Adami che prova da fuori una sorta di pallonetto, Marchitelli non trattiene e fa 1 -1.


Prima frazione decisamente divertente con giocate e azioni rapide da entranbe le parti, con continue occassioni.
Si chiude cosi il primo tempo, dove sicuramente le neroazzurre avrebbero meritato qualcosa in più rispetto alle ospiti.


La ripresa comincia cosi come era finita la prima frazione con L’Inter in avanti e andando vicino alla rete del vantaggio, con continue ripartenze e recuperando molti palloni nella trequarti avversaria, la Fiorentina  però non demorde e prova ad uscire dalla propria area, ghiotta occasione con Zanoli, deviata in angolo. Fiorentina che trova la rete del vantaggo grazie a Sabatino che al 64′ si procura il rigore e lo trasforma in rete,
Inter che cosi come domenica scorsa cade in un’ingenuità difensiva.


Nel momento migliore delle Viola, escono fuori le neroazzurre che al 78′ trovano il nuovo pareggio grazie a Tarenzi, che grazie al suggerimento di Marinelli batte il portiere viola e fa 2-2.
E’ una Fiorentina che non molla mai e all 84° trova nuovamente il vantaggio con Middag da fuori colpisce la parte sotto della traversa e finisce in rete ed e 3-2.

Finisce così, la Fiorentina espugna Milano, Inter che comincia il ritorno con ancora una sconfita.

SALVATORE GIUFFRIDA

CreditPh #AlessioBoschi 

Translate »