Il Ct Bertolini: al Sud ci sono tanti talenti mancano opportunità. Bosnia più forte delle squadre finora incontrate.

Condividi l'articolo

 

 

Il c.t. Milena Bertolini, in conferenza stampa alla vigilia del match, ha parlato della possibilità di promuovere il calcio femminile in Italia e, in particolare, al Sud: “È bello tornare in Italia dopo la Coppa del Mondo e mi piace molto l’idea di giocare a Palermo. Al Sud ci sono tanti talenti, ma mancano le opportunità e le strutture, credo che il fatto che la Nazionale giochi in questa città, che ha una tradizione nel calcio femminine, sia un mezzo importante per promuovere il nostro movimento e confido nel calore e nella passione dei palermitani per il calcio. Il Mondiale ha lasciato un’eredità importante, permesso a tante bambine di immaginarsi calciatrici quando saranno grandi, ha lasciato un’immagine positiva che va gestita e rilanciata. La Federazione sta lavorando a diversi progetti, l’obiettivo più importante per il futuro del calcio femminile è quello di aumentare il numero delle praticanti e passare da 25mila e 100mila, cosa che andrebbe ad incidere anche sull’aspetto culturale”.

Della partita di oggi  “Affronteremo una squadra forte fisicamente e aggressiva, con individualità superiori rispetto alle squadre fin qui affrontate che si chiudevano molto e non ci lasciavano spazi per colpire in avanti. Scorie mondiali? Eravamo tutte debuttanti, abbiamo vissuto emozioni fortissime e forse scattavano meccanismi inconsci che ci hanno fatto rendere in un certo modo. Ora stiamo facendo fatica, ma dobbiamo ritrovarci anche perché la differenza reti può essere importante”.