COSA C’È NELLE NUOVE DIVISE PER I MONDIALI DI CALCIO FEMMINILE

Condividi l'articolo

Un accordo secondo cui Nike fornirà i palloni per le partite del Campionato mondiale di calcio femminile 2019 in programma quest’estate in Francia e sosterrà l’iniziativa Together #weplaystrong, il piano quinquennale della UEFA per far sì che il calcio diventi il principale sport di squadra femminile in Europa.

Un programma in cui l’aspetto della sostenibilità ambientale gioca un ruolo chiave: tutte le divise da calcio Nike sono realizzate con bottiglie riciclate, e del 2010 ad oggi hanno dato nuova vita a oltre 6 miliardi di bottiglie di plastica, trasformate in poliestere.

Questa innovazione è promossa anzitutto dalle atlete, che hanno partecipato in prima persona al progetto delle divise Nike in poliestere riciclato, spiegando ai designer che è preferibile un collo a V, a patto che lo scollo non sia troppo profondo, solo quanto necessario da far scivolare facilmente la testa (e i capelli) in modo facile e veloce; che i cordoncini e le cuciture laterali sui pantaloncini possono essere d’impiccio; che le maniche non devono essere troppo corte per essere considerate femminili; che il taglio degli shorts fa la differenza e molto altro.

Successivamente, le misurazioni 4D delle calciatrici coinvolte nella ricerca sono state acquisite nel Nike Sports Research Lab, insieme alla mappatura del calore delle zone del corpo più soggette alla traspirazione per garantire zone di ventilazione adeguate sulle divise e allo studio del corpo in moto per valutare l’impatto del movimento sugli indumenti.

Non solo dati, però: “Il nostro processo inizia sempre ascoltando la voce dell’atleta. – ­spiega Janett Nichol, Vice Presidente del dipartimento di Apparel Innovation in Nike ­­–­ Osserviamo anche il movimento e interpretiamo i dati con i nuovi strumenti a nostra disposizione. Ci riusciamo grazie all’incoraggiamento di un dialogo tra atleti, dati, designer, ingegneri e così via. Per elevare veramente le prestazioni e lo stato d’animo di un’atleta, sappiamo che dobbiamo rimanere umani e creare una connessione emotiva”.
Fonte:elledecor.com
Translate »