Champions League femminile, dal 2021 nuova formula Ci saranno più parite, maggiore competitività e visibilità

Condividi l'articolo

 

Nella formula attuale avviene l eliminazione diretta a 16 squadre, ora invece ci sarà una fase a gironi, con quattro gironi da quattro e sfide di andata e ritorno tra tutte le partecipanti. Le prime due classificate di ogni girone accedono ai quarti di finale.
Con il nuovo formato, i diritti televisivi saranno centralizzati dalla fase a gironi in avanti.
Attualmente solo la finale è commercializzata centralmente dalla UEFA.

Kessler, responsabile UEFA calcio femminile: “Un vantaggio per tutti
Dovevamo aumentare la competitività della UEFA Women’s Champions League e garantire un maggior numero di partite a tutte le squadre”, spiega Nadine Kessler, responsabile UEFA del calcio femminile. “L’introduzione della fase a gironi risolve entrambe le criticità. Inoltre, offre una piattaforma migliore per promuovere la competizione e aumentarne l’interesse tra il pubblico, i media e i partner commerciali.
Il numero di partite aumenterà del 20%, mentre il numero di squadre passerà da 62 a 72. La competizione rimane aperta e tutte le squadre possono ancora sognare di vincere il trofeo più prestigioso del calcio femminile.”

Fonte Uefa

Translate »