Calcio, la svolta riduzione delle squadre

Condividi l'articolo

Riduzione delle squadre, esclusione di quelle inadempienti

 

Si è svolto il Comitato di Presidenza della FIGCnel quale si è parlato di modifiche regolamentari e riforme apportate per ridare credibilità al sistema calcio. Tra i vari passaggi elencati dal presidente Gravina, l’idea di riduzione delle squadre dai vari campionati e l’esclusione di quelle inadempienti anche durante il corso della stagione:

“Una serie di proposte iniziano ad avere forma e soprattutto contenuto”, ha sottolineato Gravina a margine di una riunione a cui ha preso parte anche il vice presidente vicario Cosimo Sibilia e in cui sono state analizzate le azioni intraprese in quattro macro aree: dimensione economica, sociale, valoriale e sportiva. Idee che sono state sviluppate e che hanno già portato diversi risultati concreti, a cominciare dalla dimensione economica, dove le licenze nazionali sono state approvate per la prima volta con sei mesi di anticipo rispetto al passato e dove sono state decise nuove importanti modifiche regolamentari, dall’introduzione nel Codice dell’esclusione della società inadempiente al pagamento degli emolumenti per un periodo di due bimestri all’introduzione del divieto di tesseramento di calciatori per società inadempienti, fino alla riduzione del numero di rinunce (da 4 a 2) per determinare l’esclusione di una squadra dal campionato.

Impulso al calcio femminile e la riforma dei campionati sono stati invece i punti principali inerenti la dimensione sportiva: nel primo caso la FIGC si è mossa ampliando le strategie di comunicazione per supportare al meglio l’attività delle Nazionali e varando un programma di sostegno che prevede un incentivo alle società dilettantistiche che aprono una sezione di calcio femminile

Continua a leggere su :https://www.citynow.it/calcio-la-svolta-riduzione-delle-squadre-esclusione-di-quelle-inadempienti/

Partirà da subito il nuovo Club Italia, una struttura rafforzata e che vedrà la presenza dei grandi campioni del nostro Calcio, a cominciare dall’inserimento nel Board dei quattro Palloni D’oroitaliani (Gianni Rivera, Paolo Rossi, Roberto Baggio e Fabio Cannavaro) e di un’eccellenza del Calcio femminile nonché delle ‘Leggende Azzurre’, ovvero di tutti quei giocatori non più in attività che hanno indossato per almeno una volta la maglia della Nazionale. Questa specifica sezione sarà suddivisa in tre aree che prevedono l’attività sportiva con match di esibizione in giro per il mondo, l’area educational per la promozione dei valori del Calcio in occasione di eventi organizzati dalla FIGC e di responsabilità sociale”.

Fonte:citynow.it
Foto Andrea Staccioli / Insidefoto
Translate »