Calcio Femminile- la parola ai Procuratori Sportivi

Condividi l'articolo

Risponde ad alcune domande in ESCLUSIVA  per SERIEAFEMMINILE.eu il procuratore
sportivo Alfredo Troisi   dell’Agenzia Players Group

 

 

 

→ Cosa significa per te lavorare come Procuratore sportivo?

fare il procuratore/agente e’ un lavoro molto impegnativo e di dedizione totale, vuole dire andare anche su campi polverosi e scovare il possibile campione, questa e’ la parte che più mi piace, poi vi è la parte dove devi avere una grande professionalità per cercare di rappresentare il giocatore che ti interessa. Tutti alla fine sognano di scoprire il ”Messi” di turno  uomo o donna che sia.

→ Quando e come hai iniziato a fare questo lavoro?

Sono anni che sono nel maschile e ho soci a Roma il Gruppo Zavaglia Francesco e Carmine, mentre per il femminile sono 3 anni che ho iniziato ad operare ed ero curioso di scoprire questo mondo per certi versi affascinante del calcio femminile.

→  Cosa rende la Players Group leader in molti mercati?

la Players Group certamente deve ancora crescere tanto visto che è come un giovane pieno di talento ed entusiasmo ma ancora acerbo.
Ma ritengo con il garbo, lo stile e molta umiltà stiamo conquistando stima ed apprezzamento soprattutto all’estero dove il calcio femminile e’ molto più sviluppato del nostro a livello di base. Oggi in Italia e fuori Italia la Players Group   è più una sconosciuta, infatti sono tanti i calciatori/calciatrici che ci contattano ma anche agenzie di procuratori che vogliono collaborare con noi.

→ Come vedono all’estero il fatto che in Italia le ragazze non sono  ancora professioniste?

be non sono molti i paesi stranieri dove le donne sono professioniste…a parte Germania Francia Stati Uniti, ora anche Argentina, Svezia,  non mi pare  che le altre siano professioniste
credo che sia un fatto di cultura globale sullo stato della donna in Generale. In ogni caso non siamo visti molto bene in quelle nazioni dove il professionismo è presente.

 → Quale è stato il contratto/ transazione  che ti ha fatto avere  maggiore soddisfazione nel realizzarlo?

Indubbiamente aver Portato un talento come  ANDREA STASKOVA alla Juventus è stato un momento molto gratificante, la ragazza farà molto bene in Italia, era totalmente sconosciuta alla maggior parte dei club….a parte la Juventus che come sempre si accaparra il talento di turno. la Players Group certamente è molto soddisfatta di questa operazione, ma non è la sola…ricordiamo lo scorso anno la ALLYSON SWABY alla Roma contratto rinnovato per  questa stagione,la Rumena Cristina Carp  punta centrale ( per me un talento diverso dalla stellare Staskova ma anche lei farà bene in Italia) vorrei  ricordare la Corina Lujiks Pink Bari, la Greca Despoina detta ”Deppy”al Napoli dalle grandi ambizioni, ed altre calciatrici che abbiamo collocato.

  → Quali  sono le maggiori difficoltà di questo Tuo lavoro?

la poca professionalità di ancora tante calciatrici e il dilettantismo di alcuni Presidenti  che di calcio ne masticano davvero poco. ma certamente col tempo anche questo potrà migliorare.

→ Cosa manca al calcio femminile italiano per avere maggiore seguito?

staff tecnici adeguati, società  con mentalità professionistica e fondi dalla Federazione per implementare il gioco del calcio dalle scuole elementari per bambini e bambine.

→ Come vedi il calcio femminile  Italiano tra 5 anni?

sicuramente il calcio femminile a livello di base è in forte crescita basti pensare che siamo passati da 25000 tesserate alle 29.000 di inizio stagione, ma il fallimento in serie A di club storici mi preoccupa davvero tanto per il proseguo dello sviluppo globale del calcio femminile in Italia.

 

Ringraziamo Alfredo Troisi per la collaborazione e per il materiale inviatoci, augurandoti grandissime soddisfazioni per il futuro!